Homepage Armatori Italiano English Française
Italian Maritime Academy (IMA) ed Italian Maritime Academy Technologies (IMAT)
Picciotto
Cultura Navale
Collegio Nazionale Capitani Lungo Corso e Macchina
Daniele Alletto
Maxi-web.it
Air Naval
navichepassione
Torre d'aMare
ATENA
Adriatica di navigazione S.p.a.
Storia dal 1974 al 2004


Il 29 aprile ed il 5 maggio 1975 vennero disarmate le M/n "Messapia" ed "Enotria". Alla fine della stagione estiva vennero vendute alla Orri Navigation Lines di Jeddah ed utilizzate come trasporto pellegrini prendendo il nome di "Kawter" e "Zam Zam". In loro sostituzione sulla linea per Cipro - Israele furono utilizzate motonavi "San Giorgio" e "San Marco" spostando le "Passi Alpini" alla linea di Istanbul. Dal 1 maggio 1975 venne acquisita dalla Tirrenia di Napoli la linea per il Nord Europa con le motonavi "Cagliari" e "Giosuè Borsi" sostituite in seguito dai tre traghetti tipo "Serenissima Express". Il 12 novembre 1975 venne venduta la motonave "Illiria" per 950.000 dollari all'armatore greco Georgios Alevizos per conto della Società Blue Aegean Line.

Nel corso del 1975 vennero presi a noleggio per cinque anni a partire dal settembre 1976 per 50 miliardi di lire tre traghetti costruiti in Giappone per conto della Mongibel International Ltd dell'armatore messinese Sebastiano Russotti, ceduti alla So.Mo.Me. Società Mototraghetti Mediterranea appartenente allo stesso Russotti, consegnati. A maggio la "Serenissima Express", la "Allemagna Express" nell'agosto e "Anglia Express" a novembre 1976. Il 30 dicembre 1975, 7 e 13 gennaio 1976 vennero disarmate a Venezia le motonavi "Brennero", "Bernina" e "Stelvio"; le prime due cedute il 27 luglio 1978 alla Arab Navigation Co di Alessandria d'Egitto prendendo il nome di " El Hassan" "Abu el Kassem"; la "Stelvio" venne venduta lo stesso anno e disarmata a Pireo mantenendo lo stesso nome.

Il 25 gennaio 1976 in sostituzione dei tre "Passi Alpini" sulla linea Trieste,Venezia, Ancona, Bari, Pireo, Limmasol , Haifa , Heraklion , Palermo, Marsiglia e Genova e ritorno venne utilizzata la "San Giorgio" mentre la "San Marco" venne disarmata a Venezia il 13 Gennaio 1976. Nel maggio 1976 venne noleggiata dalla Trans Tirreno Express di Cagliari (arm.Maglieviras) il traghetto misto "Espresso Livorno" entrata in linea dal 15 giugno 1976 da Venezia per Pireo, Limassol, Haifa e Venezia,Pireo,Istanbul,Smirne alternando i percorsi. Nel luglio 1976 vennero acquistate in via definitiva congiuntamente al traghetto "Espresso Cagliari" anche le altre due gemelle in costruzione a Livorno.Il 13 luglio 1976 vennero vendute la "San Giorgio" e nell'agosto successivo la "San Marco" ai greci Andreas Giorgios Kyrtatos prendendo il nome "City of Mykonos" e "City of Andros" per essere utilizzate nell'Egeo.

Nel corso del 1976 venne trasformata in unità portacontenitori la motonave merci "Palladio" ed inserita sulla linea Adriatico - Egeo e noleggiata dalla SOFIMAR (arm.Russotti) la portacontenitori "Naxos Express" per la linea Genova - Pireo. Con l'entrata in linea dei tre "Espressi" i quattro "Corrieri" passarono alla nuova linea : Genova, Alessandria d'Egitto, Aqaba ; sulla linea per Beirut, Limassol , Lattakia ed in servizio combinato con la Società Gilnavi SpA (arm Frassinetti) sulla linea Genova, Pireo, Alessandria d'Egitto, Beirut,Lattakia e Limassol. Per il Levante vennero pure messe in servizio la motonave "Palladio" e "Naxos Express" rispettivamente dall'Adriatico e dal Tirreno con scali a Pireo, Izmir, Mersina,Beirut e Port Said. Con la "Palladio" viene riaperto il collegamento con Beirut chiuso da più di quindici anni.

Il 22 gennaio 1977 venne consegnata dal Cantiere Luigi Orlando di Livorno il traghetto "Espresso Venezia" noleggiata subito alla Tirrenia di Napoli data la situazione creatasi in Medio Oriente. Il 13 giugno 1977 venne disarmata a Venezia la motonave "Victoria" e successivamente venduta alla Youth With a Mission Cultural Marittime prendendo il nome di "Anastasis" , trasformata in nave crociere educative. Il 12 dicembre 1977 venne consegnata a Livorno la "Espresso Ravenna" noleggiata anch'essa alla Tirrenia di Napoli. Nel 1978 il "Corriere dell'Est" venne venduta a privati ed ad ottobre la "Corriere del Sud" fu ceduta alla Linea Canguro. Per l'estate 1978 venne noleggiata il traghetto misto "Espresso Olbia" utilizzata sulla linea: Brindisi, Corfù ,Igoumenitsa, Patrasso congiuntamente alla "Appia".

Il 16 giugno 1978 vennero ritirate dalla linea del Nord Europa le tre ro-ro giapponesi il cui impiego ha provocato circa la metà delle perdite dell'anno precedente complessivamente 7,5 miliardi di lire. Le tre unità sono state trasferite al collegamento dall'Adriatico e Tirreno per il Medio Oriente al posto di due "Corrieri" ; la "Naxos Express"venne impiegata sulla linea Italia - Turchia al posto del servizio misto passeggeri-merci che nel 1977 ha provocato una perdita di 1 miliardo di lire. La limitazione da tre a due dei servizi per il Medio Oriente e venne avviata la ricerca di navi adatte alla sostituzione dei rimanenti "Corrieri". Nel 1979 vennero venduti al Gruppo Grimaldi il "Corriere dell'Ovest" e "Corriere del Nord" ribattezzati "Freccia dell'Ovest" e "Freccia del Nord", alla linea per Aqaba fu trasferita la " Serenissima Express"; mentre per la linea Hull,Levante,Livorno,Marsiglia furono noleggiati e poi acquistate le due navi tipo "Boxer" "Fenicia Express" e"Levante Express" entrate in servizio nell'aprile e maggio 1979. Nell'estate 1979 l'"Espresso Livorno" affiancò la "Appia" nel collegamento tra Brindisi e la Grecia. Dopo la restituzione della piccola "Naxos Express"all'armatore, fu acquistata sul mercato di seconda mano la motonave "Egizia" che entrò in linea nel settembre 1980 sulla linea del Mediterraneo Orientale in sostituzione delle ro-ro. Nel 1980 l'"Espresso Livorno" prese il nome di "Espresso Grecia" e la gemella "Espresso Cagliari" quello di "Espresso Egitto"impiegata sulla linea : Venezia, Pireo, Heraklion, Alessandria d'Egitto.con scalo estivo sul ritorno a Dubrovnik. Sempre nel 1980 vengono noleggiate i traghetti "Jacopo Tintoretto" e "Tiziano" dalle Linee Marittime dell'Adriatico contemporaneamente all'acquisizione dei relativi collegamenti adriatici.

Nei primi mesi del 1981 venne noleggiata dalle Linee Canguro la motonave "Canguro Bianco" ed impiegato sulla linea Ancona-Bar ,in seguito acquistata e ribattezzata "Tiepolo" ad ottobre 1981. Nel 1983 venne disarmata e venduta la "Palladio" rimpiazzata nell'ottobre 1983 noleggiando dal Lloyd Triestino di Trieste i traghetti merci "Buona Speranza" e "Nuova Ventura" utilizzandole per la linea da Venezia e Genova per Port Said, Beirut e Limassol. La "Appia" venne noleggiata al Ministero della Difesa per il trasporto di profughi tra Beirut e Larnaca. La" Tiepolo passò alla linea Ancona - Durazzo - Bari, poi all' apertura del nuovo collegamento sulla Trieste - Durazzo. Nel 1988 la "Tintoretto" venne noleggiata alla Tirrenia per il collegamento Civitavecchia - Cagliari-Napoli Nel 1989 venne venduta la "Tintoretto" alla Società Marisud di Napoli. La" Tiepolo" venne utilizzata nei collegamenti tra Brindisi - Corfù e Igoumenitsa Dall'ottobre 1990 al marzo successivo l'"Espresso Egitto" subì estesi lavori di ammodernamento presso i cantieri INMA di La Spezia riprendendo poi i collegamenti con l'Egitto con il nome di "Egitto Express".Durante il periodo dei lavori la nave fu sostituita sulla linea dal traghetto "Sansovino". Nell'ottobre 1983 ha sostituito la "Tiepolo" in Libano e fu la prima nave il 17 gennaio 1983 a trasportare i profughi palestinesi dal Libano a Larnaca (Cipro).

Nel 1984 viene disarmata la "Allemagna Express" a Venezia poi utilizzata per Cipro - Egitto con partenza dal Tirreno mentre la "Anglia Express" e "Serenissima Express" furono noleggiate alla Si.Tra. di Palermo per la linea Genova - Palermo sostituita successivamente dalla Palermo -La Spezia. Nel 1985 la "Egizia" viene ceduta alla Società Italia di Genova. Nel 1986 l'"Allemagna Express" venne ceduta alla Società Italia di Genova prendendo il nome di "Roro Italia" per i collegamento Italia -.Stati Uniti. Vengono disarmate "Fenicia Express" a Venezia il 1 febbraio e il 1 ottobre la "Levante Express" Il 1 agosto 1987 venne chiuso il servizio della Società Italiana Cabotaggi tra Bari e Venezia servito dai traghetti "Nuova Ventura" e "Buona Speranza". Negli anni 1987-1988 fu noleggiata la nave "Kypros Star" per la linea estiva Brindisi - Patrasso. Nel 1988 la motonave "Daunia" fu sottoposta a Venezia a lavori di ristrutturazione portando la capacità passeggeri da 680 a 900 . Nel 1989 vengono varati a Marina di Carrara due traghetti-contenitori il 21 aprile l'"Egizia" e 16 dicembre la "Fenicia"impiegate poi sulle linee commerciali del Medio Oriente. Successivamente chiusa la linea furono impiegate sulla Venezia - Bari Catania e sulla Venezia,Ancona, Durazzo.Venne acquisita la linea da Trieste per Grado e l'Istria congiuntamente alla motonave "Dionea" dopo la chiusura della Società Navigazione Alto Adriatico.

Il 29 maggio 1989 venne restituito dalla Tirrenia il traghetto "Espresso Ravenna" arrivato a Genova in data 29 maggio 1989 da Napoli e ripartendo con i colori dell'Adriatica in data 22 giugno diretto a Brindisi entrando in linea per la Grecia. L'"Espresso Venezia" venne ceduto alla Tirrenia prendendo il nome di "Espresso Malta". Il traghetto "Appia" utilizzato tra Ancona e Dubrovnik e per la Grecia venne disarmato a Venezia in data 13 settembre proveniente da Brindisi.Venne consegnata la motonave "San Domino" per i collegamenti per le Isole Tremiti. Vennero consegnati dai Cantieri di Ancona i traghetti gemelli "Palladio" a marzo ed immesso sulla Trieste - Durazzo e per la Grecia, il " Sansovino" in data 22 luglio e impiegata tra Bari e Dubrovnik e Trieste - Zara ed a settembre dai Cantieri di Palermo la "Laurana". La "Nuova Ventura" viene disarmata a Venezia il 21 luglio 1989 proveniente da Limassol in data 14 novembre viene disarmata a Venezia la "Buona Speranza" ripresero il mare nel 1990 sulla linea : Venezia, Catania e Ravenna. Nel 1990 l'"Espresso Ravenna" prende il nome di" Espresso Venezia" ed utilizzato sulla linea Brindisi - Patrasso. La "Palladio" viene utilizzata tra Venezia, Zara, Split, Venezia, La "Sansovino" tra Ancona, Split, Zara,Dubrovnik e Bari.

Nel 1991 la "Palladio" è stata impiegata nei collegamenti tra Ancona Zara e Trieste, Ancona , Spalato, Bari e Dubrovnik alternata con la "Sansovino". L'"Appia" disarmata a Bari dal agosto 1991 viene venduta nel 1992 alla Società Sea world Lines di Panama prendendo il nome "Fibi". L'11 febbraio 1992 venne chiusa la linea commerciale quindicinale per Cipro e Libano da Venezia , Linea 306 , istituita dieci anni prima. La "Dionea" venne venduta e sostituita dal 20 giugno 1992 con l'entrata in linea delle unità veloci "Pacinotti"e "Marconi" impiegate sulle linee delle Tremiti e da Trieste per l'Istria e Isola Brioni. La "Palladio"fu impiegata sulla linea Trieste - Durazzo ,la "Sansovino" tra Brindisi e Grecia insieme alla "Espresso Grecia". L'8 marzo 1993 l'"Espresso Venezia" iniziò il servizio settimanale tra Ancona e Dubrovnik. Nel 1993 venne ceduto alla Si.Re.Mar l'aliscafo "Nibbio"fu ribattezzato "Giotto",vendute la "Tiziano" ad interessi Jugoslavi ,la "Nuova Ventura" e "Tiepolo". Nel 1994 vennero acquistate le gemelle ro-ro "Via Ionio" e "Via Mediterraneo" dalla Società Viamare di Genova, quest'ultima ancora in Cantiere a Palermo pronta alla consegna. Ribattezzate "Espresso Ravenna "e "Espresso Catania" furono inserite nel collegamento Ravenna - Catania. Venne venduta la ro-ro "Buona Speranza" ad interessi greci. Nel 1997 vvenne venduta la motonave "Daunia" alla Società Interconsult di Luciana Mazzola & C sas di Bari.

Durante il 1999 venne venduto ad interessi greci il traghetto "Espresso Grecia" ribattezzato "Grecia" per 1,8 milioni di dollari e chiusura della linea Trieste - Albania. Essendo la Finmare stata posta in liquidazione la Società viene trasferita al gruppo Tirrenia pur mantenendo l'indipendenza operativa. Nel 2000 venne acquistata dalla Si.re.Mar il traghetto "Canaletto" per le Isole Tremiti e viene chiusa la linea Brindisi - Corfù - Igoumenitsa - Patrasso. Il 1 febbraio 2001 vennero acquisite dalla Tirrenia di Napoli le gemelle "Via Adriatico" e "Via Tirreno" e " Campania" congiuntamente alle linee Genova - Termini Imerese e Livorno - Catania. La "Egizia" venne utilizzata congiuntamente alla "Campania" sulla Catania -Livorno, tornando in autunno tra Venezia e Catania. Durante le estate 2001 e 2002 il traghetto "Egitto Express" fu stato noleggiato alla greca HML Hellenic Mediterranean Lines utilizzata nei collegamenti da Patrasso a Brindisi via Isole Ioniche. Alla fine del 2002 la nave venne resa alla Adriatica e noleggiata alla Tirrenia per essere impiegata tra Genova ed Olbia. ,arrivando a Genova il 9 ottobre proveniente da Durazzo .Il noleggio doveva durare sino ad aprile 2003, ma dati i problemi che ha evidenziato la nave fu resa all'Adriatica partendo da Genova il 30 novembre 2002 diretta a Bari.

Nel 2003 venne venduto il traghetto "Espresso Venezia" ad interessi greci, gli stessi che nel 1999 avevano acquistato la "Espresso Grecia". Nell'inverno 2003 la "Sansovino" venne noleggiata alla Si.Re.Mar di Palermo per i collegamenti con Linosa e Lampedusa poi restituita all'inizio 2004. Nel 2003 venne acquisita dalla Tirrenia la "Domiziana" per i collegamenti da Bari per Durazzo ed Ancona - Spalato-Bar,il 30 giugno 2004 venne chiusa la linea Ancona - Durazzo.La "Sansovino" venne noleggiata alla Adria Ferries Ltd per continuare il collegamento soppresso.Nell'agosto 2004 venne ceduta la "Egitto Express" alla Adria Lines in sostituzione della nave noleggiata. Nel novembre 2004 vennero vendute in blocco ad interessi egiziani le ro-ro "Fenicia" e "Egizia", contemporaneamente dalla Tirrenia è arrivò la "Calabria" per i collegamenti settimanali Venezia - Catania. Vennero acquisite sempre dalla Tirrenia la "Emilia" in data 21 ottobre 2004 e la "Flaminia" in data 2 novembre 2004 contemporaneamente vennero cedute alla Si.Re.Mar di Palermo le gemelle "Palladio" in dicembre , "Sansovino" e "Laurana". Da Novembre 2004 la Società cessò di esistere come tale diventando una Divisione della Tirrenia di Napoli.
Pagina 1 2 3
A cura di: Maurizio Gadda