Homepage Armatori Italiano English Française
Italian Maritime Academy (IMA) ed Italian Maritime Academy Technologies (IMAT)
Picciotto
Cultura Navale
Collegio Nazionale Capitani Lungo Corso e Macchina
Daniele Alletto
Maxi-web.it
Air Naval
navichepassione
Torre d'aMare
ATENA
Gruppo Grimaldi
Le origini


La famiglia Grimaldi ha origine in Liguria. Nel periodo delle Repubbliche Marinare, con 12 Dogi, ha contribuito in modo determinante al governo di Genova.
Nel 1297 conquistò la baia e la rocca di Monaco, territorio divenuto poi principato.
Di parte guelfa, ebbe un ruolo molto attivo nel lungo periodo di sanguinosi scontri con le famiglie ghibelline genovesi. In questa fase turbolenta, alcuni membri della famiglia Grimaldi lasciarono Genova, stabilendosi oltre che a Monaco, anche nel Sud Italia, territorio in cui forte era l’influenza papale.

Nel 1348 le cronache del Regno di Napoli riportano di tre fratelli armatori, Rajinerio, Richerio e Perino de Grimaldis, che a garanzia del pagamento per il noleggio di tre galere ottennero dalla Regina Giovanna I un prezioso reliquario in oro massiccio.

La storia più recente della famiglia Grimaldi nello shipping è riconducibile però al lato materno, ovvero ad Amelia Lauro in Grimaldi, figlia di Gioacchino e sorella di Achille.
Gioacchino Lauro, armatore sorrentino, nella seconda metà dell’800 fondò una compagnia di libera navigazione a vapore, una delle prime società per azioni nel panorama dello shipping italiano, il cui capitale sociale ammontava a 100 Lire, suddivise in cento azioni da una lira.
Il figlio Achille, ereditando dal padre la passione per il mare, ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama marittimo e non solo, arrivando a possedere negli anni ’60 e ’70 la flotta privata più importante d’Europa.

L’Avvocato Giovanni Grimaldi, invece, era un proprietario terriero. Uomo di rara cultura, non aveva però l’indole marinara dei propri avi genovesi. E’ stata la moglie, Amelia Lauro in Grimaldi, a trasmettere ai figli la passione per il mare chiedendo al fratello Achille, di prenderli sotto la sua dura ma preziosa guida.

Nel 1947, quindi, i fratelli Luigi, Mario, Guido, Aldo ed Ugo Grimaldi iniziarono la loro attività in proprio, focalizzando le risorse dapprima nel settore del trasporto merci con le navi Liberty, acquisite dalla flotta statunitense alla fine della guerra, ed in seguito nel trasporto passeggeri, che ebbe da subito grande successo, dato che vi era il grande potenziale dei flussi migratori post-bellici.
Durante i primi anni, i traffici operati si concentrarono particolarmente sulle rotte verso l’America Latina, con navi come Auriga e Urania II.

Negli anni successivi, i flussi migratori post-bellici si affievolirono gradualmente, cedendo il passo a nuovi traffici passeggeri con maggiori esigenze di comfort e qualità dei servizi. Fu così che nuove e moderne navi vennero aggiunte alla flotta (tra cui la Lucania). Qualche anno dopo, con l’espansione delle attività, fu fondata la Sicula Oceanica, (Siosa Lines), e si iniziò ad operare con il nome di Grimaldi–Siosa Lines. Altra storica unità della flotta Grimaldi fu l’Irpinia, simbolo delle linee Grimaldi-Siosa alla fine degli anni ’50. Su questa nave, negli anni ’70 venne anche girato un film con attori del calibro di James Mason, Faye Dunaway e Max von Sydow.
Fra tutte le unità impiegate dal Gruppo Grimaldi in questo periodo, spiccarono sicuramente la Venezuela, la Caribia e successivamente l’Ausonia.



Dagli anni '60 a oggi


A partire dagli anni ’60, la Grimaldi iniziò ad operare anche nel trasporto merci, con navi porta-rinfuse ed OBO, come Auriga I, Luigi Grimaldi e Giovanni Grimaldi. Riguardo il traffico Ro/Ro e più in particolare del trasporto di autovetture, l’espansione della Grimaldi al di fuori del mercato mediterraneo, ha avuto inizio circa nel 1969, con l’avvio di un collegamento regolare tra l’Italia e l’Inghilterra.
Nato per il trasporto di autovetture Fiat destinate al mercato britannico, questo servizio ha rapidamente conquistato la fiducia di molti tra i protagonisti del mercato automobilistico mondiale, grazie soprattutto alla qualità del servizio offerto, che hanno iniziato ad affidare al Gruppo il trasporto verso i paesi mediterranei delle auto prodotte in Gran Bretagna e in Nord Europa e viceversa. Ciò ha portato ad una crescente specializzazione nel settore Ro/Ro, che si è ulteriormente accentuata negli anni ’80 con la costruzione delle navi gemelle Repubblica di Venezia, Repubblica di Pisa, Repubblica di Genova, Repubblica di Amalfi, seguite poi dal Fides e Spes, costruite agli inizi degli anni ’90 e tuttora utilizzate.

A metà anni ‘90, i fratelli Grimaldi Guido, Mario ed Aldo decisero di separarsi e di formare due entità distinte: la Grimaldi Genova guidata da Mario ed Aldo, ed il Gruppo Grimaldi di Napoli, capitanato da Guido.
Il Network del Gruppo Grimaldi comprende ormai oltre 100 porti serviti in 40 paesi e 4 continenti.

L’area Euro-Mediterranea è coperta in modo capillare:
  • il servizio settimanale Euro-Med, che collega i porti del Nord Europa, dei paesi Scandinavi, delle Isole Britanniche e quelli del Mediterraneo, sia occidentale che orientale;
  • il servizio bisettimanale Euro-Aegean, che collega 14 porti fra il Nord Europa e la Marmara;
  • il servizio Adriatico, che unisce settimanalmente l’Alto Adriatico ai porti del Mediterraneo orientale;
  • il servizio East-West Med, che collega i porti del Mediterraneo occidentale ed orientale;
  • i servizi Short Sea, ovvero le Autostrade del Mare del Gruppo, che comprendono una serie di collegamenti tra Italia e Spagna, Francia (Corsica inclusa), Malta, Tunisia e Libia, specializzati soprattutto nel trasporto di auto, TIR e passeggeri.

I Porti Nordeuropei sono poi collegati a quelli dell’Africa Occidentale attraverso il servizio North Europe / West Africa mentre, il servizio North Europe / South America consente il trasporto merci dall’Europa alle coste orientali del Sud America (Brasile, Uruguay, Argentina).
L’acquisizione di Atlantic Container Line, compagnia leader mondiale nel trasporto multipurpose sulle rotte tra il Nord America ed il Nord Europa, ha permesso l’ulteriore espansione della copertura delle aree internazionali dalle rotte della Grimaldi, giungendo così anche ai porti degli Stati Uniti orientali e del Canada.

L’espansione dei servizi è avvenuta contestualmente all’espansione della flotta utilizzata. Quindi, in linea con la missione aziendale di soddisfare la propria clientela internazionale mantenendo elevata la qualità dei servizi offerti, il programma di potenziamento della sua flotta ha visto principalmente l’acquisizione di navi ro/ro multipurpose tecnologicamente all’avanguardia.

Dalla nascita del Gruppo Grimaldi si è assistito ad un notevole ampliamento della flotta: dal 1998 al 2007 è più che raddoppiata la consistenza della flotta, passando da 26 a oltre 100 navi. Saranno, inoltre consegnate entro il 2011 altre 32 navi (Ro/Ro e cruise ferries).

Consapevole del fatto che il trasporto marittimo è solo un anello della ben più complessa e articolata catena logistica, il Gruppo Grimaldi ha fin dal 1999 dato il via anche ad un piano d’espansione mirato ad integrare verticalmente i servizi offerti.
In quest’ottica sono stati acquisiti il porto di Wallhamn, terminal portuali, agenzie e società logistiche in molti paesi Europei, Mediterranei ed Africani.
In Italia, Spagna, Portogallo, Danimarca e Irlanda, sono state create società di autotrasporto per la distribuzione delle autovetture, potendo così realizzare servizi di trasporto ”door-to-door”, ovvero dalla fabbrica all’importatore.

In riferimento ai terminal portuali, la superficie complessiva occupata dal Gruppo Grimaldi ha raggiunto un valore di circa 5.4 milioni di mq: tra i tanti, vale la pena citare il terminal del porto di Anversa, l’Antwerp Euro Terminal, che, con una superficie di oltre 1.000.000 mq (il terminal raggiungerà la superficie di 1.700.000 mq per il 2010), è il porto di collegamento tra le varie rotte internazionali del Gruppo, ed il terminal del porto di Salerno, il Salerno Auto Terminal, con una superficie di oltre 85.000 mq. Altri terminal poi si trovano a Monfalcone e Palermo (Italia), Cork (Irlanda) Esbjerg (Danimarca), Valencia (Spagna), Setubal (Portogallo), Alessandria (Egitto), Lagos (Nigeria), Dakar (Senegal) e nel Mar Baltico.

Attualmente il Gruppo Grimaldi è composto dalle seguenti compagnie: Atlantica S.p.A. di Navigazione, Grimaldi Compagnia di Navigazione S.p.A., Industria Armamento Meridionale S.p.A. (In.Ar.Me.). Il Presidente di tutte e tre le Società è il fondatore del Gruppo, il Dr. Guido Grimaldi. Il Dr. Luca Grimaldi è A.D. della Grimaldi Compagnia di Navigazione, il Dr. Manuel Grimaldi è A.D. dell’Atlantica di Navigazione e l’Ing. Diego Pacella è A.D. dell’In.Ar.Me.
Sempre parte del Gruppo, ma con sede a Malta, è la società Malta Motorways of the Sea Ltd. Costituita nel novembre 2005 per operare sulle rotte precedentemente servite dalla Sea Malta (ex compagnia di stato Maltese), nel giro di pochi mesi, ha fatto registrare un netto miglioramento dei collegamenti fra Italia e Malta, sia in termini di frequenze che di qualità del livello di servizio.

Ancora più recente è l’acquisizione della quota di maggioranza della Finnlines, Compagnia di Navigazione leader nei collegamenti RoRo in ambito del Baltico e del Mare del Nord. Tale integrazione è risultata strategica per intensificare ulteriormente il network logistico del Gruppo nel Nord Europa. Inoltre, il Gruppo ha recentemente acquisito il 28% del pacchetto azionario della compagnia greca MINOAN Lines , operante navi ro/pax sulle rotte adriatiche Italia-Grecia e su rotte interne Pireo-Creta.

Grazie agli investimenti effettuati nel corso degli ultimi anni e la particolare attenzione dedicata alla customer satisfaction, il Gruppo Grimaldi è così diventato leader nel settore dei trasporti marittimi di automobili e altri carichi rotabili (ro/ro), con una delle maggiori flotte mondiali di navi roro/multipurpose e car carrier; oltre ad essere attivo anche nel trasporto di merci in container e carico pallettizzato su tutte le rotte effettuate. Infatti oltre a ricevere le certificazioni di qualità ISO 9002 ed ISO 14001, prova ne sono anche i vari riconoscimenti che il Gruppo ha accumulato nel corso degli anni sia da istituzioni internazionali che da aziende-clienti; tra questi riconoscimenti possiamo citare il “Lloyd’s Loading List Deep Sea Ro/Ro Line of the Year" dal 1998 al 2006, il “General Motors Supplier of the Year" dal 2000 al 2005 ed il “Ford Q1 Award Winner" dal 1999 al 2006.
Pagina 1
A cura di: Gruppo Grimaldi