Homepage Armatori Italiano English Française
Italian Maritime Academy (IMA) ed Italian Maritime Academy Technologies (IMAT)
Picciotto
Cultura Navale
Collegio Nazionale Capitani Lungo Corso e Macchina
Daniele Alletto
Maxi-web.it
Air Naval
navichepassione
Torre d'aMare
ATENA
Tirrenia di Navigazione S.p.a.
2001 – 2008


Nel 2001, a febbraio, viene varato il primo dei due nuovi cruise-ferry ordinati alla Fincantieri, la “Bithia”, e viene infine consegnata la “Raffaele Rubattino”, immessa sulla Napoli – Palermo in coppia con la gemella “Vincenzo Florio”.
A partire dal 1 febbraio di quell’anno, le linee commerciali Genova – Termini Imprese e Livorno – Catania vengono cedute all’Adriatica di Venezia congiuntamente alle navi “Campania”, “Via Adriatico” e “Via Tirreno”.

La “Bithia” viene consegnata a luglio e il mese successivo è immessa nel collegamento tra Genova e Porto Torres e nello stesso mese viene venduta a interessi coreani la “Capo Spartivento”. Sempre nel 2001 viene decisa la costruzione di una terza unità tipo “Bithia” e una ristrutturazione di cinque “Strade Romane”.

Il 18 novembre 2001 la “Florio”, in fase di uscita dal porto di Napoli, urta violentemente la banchina del Molo Martello dove è ormeggiato il bacino galleggiante n. 5. In quel momento soffiava un impetuoso grecale. Dopo la collisione la nave presenta uno squarcio lungo 14 metri sulla murata di sinistra, rientra immediatamente in banchina con conseguente sbarco di passeggeri e autoveicoli. Rientrerà in linea dopo una ventina di giorni. Dal 21 dicembre, l’“Arborea” viene posta in disarmo a Genova e messa in vendita.

Nel 2002, l’8 aprile, viene consegnato il traghetto misto “Janas”, che va ad affiancare il gemello “Bithia” nei collegamenti tra Genova e Porto Torres. Nello stesso anno vengono messe in vendita “Arborea”, “Aries” e una “Strada Romana”, mentre viene noleggiata la ro-ro “Golfo dei Fiori” per i collegamenti merci con la Sardegna. A giugno la “Guizzo” viene noleggiata alla Siremar di Palermo per il periodo estivo e ceduta alla compagnia siciliana nel 2003 per il nuovo collegamento estivo Marsala – Pantelleria.
Il 19 ottobre 2002 arriva a Genova, noleggiata dalla Adriatica di Venezia, la “Egitto Express” per essere impiegata nel collegamento tra Genova e Olbia. Il noleggio termina anticipatamente a causa di problemi presentati dalla nave. Arriva per l’ultima volta a Genova il 27 novembre da Olbia, ripartendo il giorno 30 diretta a Bari per fine noleggio.

Nel marzo 2003 rientra in linea l’“Aurelia”, completamente ristrutturata durante l’inverno presso i cantieri di Palermo. Nel giugno viene invece consegnato il terzo cruise-ferry della serie “Bithia”, “Athara”, immesso tra Genova, Olbia e Arbatax. Viene noleggiata alla Adriatica di Venezia la “Domiziana” e vengono ordinate altre due navi miste tipo “Bithia” per consegna 2004 e primavera 2005.

Il 12 gennaio 2004 la “Nomentana” inizia i lavori di ristrutturazione a Palermo; si tratta di lavori analoghi a quelli effettuati sulle gemelle “Aurelia” e “Clodia”. Nel mese di giugno entrerà sulla Genova – Olbia – Arbatax.
Sempre nel 2004 viene venduta per demolizione presso cantieri indiani la “Capo Carbonara”, ribattezzata “Naples” per l’ultimo viaggio e battente bandiera della Georgia. A giugno la “Torres”, in disarmo a Cagliari, viene venduta a interessi turchi e ribattezzata “Istanbul S”. Viene inoltre deciso il passaggio alla consorella Adriatica di “Emilia”, “Flaminia” e “Domiziana”, a partire dal mese di luglio. Nel luglio 2004 viene consegnata la “Nuraghes”, quarta della serie “Bithia” (ma con un ponte garage in più), e immessa sulla Civitavecchia – Olbia. L’“Arborea” viene venduta a interessi greci e poi a demolitori indiani.
Nel mese di agosto l’“Aries” viene noleggiata per un breve periodo alla Moby Lines in sostituzione del “Moby Freedom” fermo per danni alle eliche. Il primo settembre la gemella “Taurus” viene disarmata a Genova.
A fine estate, la “Toscana” subisce un restyling interno (rifacimento delle cabine di prima classe con servizi interni e luoghi pubblici) presso i cantieri di Napoli, rientrando in linea il 20 ottobre sulla linea Napoli – Cagliari – Trapani.
Il 21 ottobre l’“Emilia” viene consegnata alla Adriatica per i collegamenti dell’Adriatico, seguita il 2 novembre dalla “Flaminia”. Sempre a novembre, la Società Adriatica di Venezia viene assorbita dal Gruppo Tirrenia diventando una divisione della Tirrenia di Navigazione.

Il 21 dicembre 2004, la “Vincenzo Florio”, in navigazione da Palermo a Napoli, giunta a 20 miglia circa dal porto siciliano subisce un black-out elettrico causato da un incendio divampato in garage, che fa saltare la linea di rifornimento bloccando i motori. La nave ritorna inclinata sul fianco dritto il mattino seguente verso le ore 08.30 al porto di partenza.

Nel 2005 viene consegnato l’ultimo cruise-ferry ordinato alla Fincantieri, lo “Sharden”, impiegato nei collegamenti tra Civitavecchia e Olbia congiuntamente al “Nuraghes”. Per la stagione estiva (giugno-settembre) viene noleggiato alla Siremar di Palermo l’Hsc “Scorpio” per il collegamento veloce tra Napoli e le Isole Eolie. A novembre, la “Toscana”, causa burrasca nel viaggio da Trapani a Cagliari, perde in mare un trailer posto in coperta e un autotreno, riportando diversi danni al carico.

Nel 2006, a gennaio, viene venduta la “Campania” a interessi egiziani (El Salam Shipping) e a febbraio viene venduta per demolizione in turchia la “Canaletto”. A giugno viene venduta a interessi polacchi il traghetto merci “Via Tirreno” al prezzo di 19,5 milioni di Euro. Per il periodo estivo 2006 viene noleggiato alla Siremar il mezzo veloce “Capricorn”, impiegato per il collegamento tra Napoli e le Isole Eolie (ripetendo l’esperienza del gemello “Scorpio”). Ad agosto viene venduta la “Emilia” alla Enermar di Genova per 8,5 milioni di dollari Usa; il traghetto viene ribattezzato “Adriatica”. Vengono infine venduti in blocco i tre traghetti merci giapponesi “Calabria”, “Sicilia” e “Sardegna” alla Puglia di Navigazione per 10,2 milioni di dollari Usa.

Nel gennaio 2007 viene venduto il “Marconi” alla Navigazione Libera del Golfo prendendo il nome di “Salerno Jet”. Ad aprile viene ceduto l’aliscafo “Monte Gargano” alla Caremar di Napoli e a giugno la “San Domino” viene venduta a interessi di Mauritius.

La flotta odierna

Tirrenia di Navigazione

Nave Anno di costruzione
Aurelia 1980
Aries 1998
Athara 2003
Bithia 2001
Clodia 1980
Capricorn 1999
Janas 2002
Lazio 1994
Nuraghes 2004
Nomentana 1980
Puglia 1995
Raffaele Rubattino 2001
Sharden 2005
Scorpio 1999
Scatto 1994
Toscana 1994
Taurus 1998
Vincenzo Florio 1999
Via Adriatico 1992


Tirrenia Divisione Adriatica


Diomedea 1975
Domiziana 1979
Espresso Catania 1993
Espresso Ravenna 1993
Flaminia 1981
Isola di Capraia 1999
Pacinotti 1992
Pagina 1 2 3 4
A cura di: Maurizio Gadda